Il Week end di Pasqua in Sardegna

Week end Pasqua in Sardegna, oltre ai luoghi più belli della Sardegna la pasticceria prelibata



Pasqua in Sardegna, Week end e non solo
Pasticceria di forme e colori

Ad esempio vi sono i Candelaus, confezionati a forma di calice, di scarpina, di uccellino e guarniti con ricami in glassa dorata, si affiancano quelli preparati per le feste di carnevale: sas Origliettas, ad esempio, listarelle di pasta variamente intrecciate, fritte nello strutto e ricoperte di miele, e le Zipulas, frittelle ricoperte di zucchero. Molti di essi sono legati a ricorrenze religiose e festività d'altro genere, come la Pasqua e rispecchiano tradizioni secolari con una notevole varietà di forme e decori. Della provincia di Oristano il dolce più tipico è Su Mustazzolu, la cui particolarità risiede nella lievitazione che puï durare anche 20 giorni: è ottenuto dall'impasto di farina, lievito, zucchero e limone grattugiato.

Miele amaro e formaggio fresco: una delizia di ricetta

Sempre della stessa zona menzioniamo gli Amaretti, particolari pasticcini di mandorle (dolci e amare) tritate finemente e amalgamate con zucchero e albume d'uovo. Rinomato in tutta l'isola e a livello nazionale è il Torrone di Tonara in provincia di Nuoro, ottenuto dalla lavorazione di miele, frutta secca (principalmente mandorle, ma anche noci, nocciole o pistacchi) e albume d'uovo. Tipiche del nuorese, ma diffuse con qualche variazione un po' in tutta la Sardegna, sono le Seadas o Sebadas, simili a grossi ravioli ripieni di formaggio fresco, scorza di limone grattugiato e zucchero. Si friggono in olio d'oliva e si servono ricoperte di miele amaro o zucchero. Di Nuoro-città è originaria anche S'Aranzada, confezionata con scorza d'arancia candita, miele e mandorle, servita su foglie di limone e a volte decorata con palline di zucchero argentate.

Scorza d'arancia + noci + mandorle = pane

Se ci si sposta al nord, nella provincia di Sassari, sono molto diffusi i Sospiri di Ozieri: palline di pasta di mandorle ricoperte di zucchero glassato e, più recentemente, di cioccolato. A Berchidda, dove è nato il jazzista Paolo Fresu, vengono preparati numerosi tipi di confettura utilizzati come ingredienti base per quasi tutti i dolci dell'isola: la Sapa dal vino cotto e S'Abbamele da una particolare lavorazione del miele residuo nella cera dei favi, bollito più volte in acqua. Comuni in tutta l'isola sono i Pabassinos o Pabassinas, pasticcini con mandorle, noci, strutto e uva passa, spesso glassati e decorati con i cosiddetti diavolini di zucchero colorato, nel cui impasto si aggiunge la Sapa. Gli ingredienti possono perï variare a seconda della zona o della ricorrenza. Sempre con la Sapa si prepara in tutta la Sardegna Su Pane 'e Saba, farcito con mandorle, noci e scorza d'arancia. Sono infine comunissime e particolari le Casadinas o Pardulas, chiamate generalmente Formaggelle: cestellini di pasta cotti al forno, ripieni di ricotta o formaggio fresco al quale si uniscono semola e uva passa.

Turismo Pasquale in Sardegna
Panorama dal fascino selvaggio, ricette tipiche ed escursioni divertenti: è quello che può offrire la Sardegna del Sud in particolare, che in primavera offre luce e colori ineguagliabili, con le spiagge bianchissime, la bellezza della riserva naturale di Is Cannoneris e la suggestiva Punta Sebera. Qui i resort Aquadulci e Chia Laguna, che offre una vista sorprendente che dalla laguna dei fenicotteri corre ad abbracciare il mare, sono la base ideale per passeggiate a piedi, a cavallo, in mountain bike o in jeep e offrono la possibilità di prendere lezioni di golf sul vicino green a 18 buche o lezioni di tennis su campi di mateco.

Sport e benessere sono i protagonisti di un soggiorno al Meliá Olbia e del Meliá Poltu Quatu, come dell'Hotel Green park di Arzachena, posto nel cuore della Costa Smeralda, tra Porto Cervo e Porto Rotondo.



L'estate in Sardegna con le migliori offerte economiche, prenota adesso i pacchetti 2017 per risparmiare!