Gennaio in Sardegna, il ponte della Befana

Il ponte della befana in Sardegna e sempre una buona occasione per scoprire le mille sorprese di questa splendida regione, Gennaio in Sardegna.



Mettiamo in evidenza alcuni eventi e sagre del gennaio in Sardegna
Il fuoco di S. Antonio: Orosei (NU) - Sardegna
Il 16 Gennaio ad Orosei, presso l'antica chiesetta di Sant'Antonio ai piedi della torre aragonese, si svolge una festa legata alla tradizione di accendere un falò in suo onore.
La preparazione dell’evento inizia dal mattino dell’Epifania, quando gli abitanti del paese, da soli o in comitive organizzate, provvedono alla raccolta e al trasporto di legna che ammucchiano all’interno del vasto cortile di S. Antonio dove, accanto alla torre, è stato piantato un alto palo di cipresso.
Il pomeriggio del 16 gennaio, vigilia della festa liturgica, l’imponente catasta di legna assume una forma conica con il vertice sormontato da una grande croce d’arance.
Alle 17.30, subito dopo la messa, il sacerdote, preceduto dal Simulacro, benedice il fuoco acceso in più punti, e la folla, che segue la cerimonia, inizia a compiere intorno al esso i tre giri rituali, mentre un gruppo di ragazzi, sfidando le fiamme, cerca di conquistare le arance della croce.
All’interno delle stanzette si distribuiscono ai visitatori, vino, caffè e soprattutto i dolci tipici di questa festa, il su pistiddu, a base di farina, miele e aromi naturali, e il su pane nieddhu fatto con farina, miele, lievito e sapa.
Oltre al grande falò, le famiglie dei vari rioni accendono dei fuochi più piccoli e si ritrovano con parenti ed amici per consumare un ricca cena: in tempi passati dalla direzione del fumo si traevano auspici per l’annata agraria, mentre le ceneri venivano raccolte a scopo terapeutico contro le malattie addominali dei bambini.
Queste sono tradizioni che non fanno altro che arricchire il nostro bagaglio culturale per quanto riguarda il nostro meraviglioso paese.

Festa patronale di Sant’Antonio Abate a Silanus (NU) il 16 e il 17 gennaio
Organizzata dall’obriere col patrocinio di tutta la cittadinanza la festa ha inizio alle ore 15,00 del giorno 16 con l’accensione di un enorme falò da parte degli obrieri. Il 17 una processione nelle vie del centro storico del paese. Pranzo e cena al salone “Sanna” offerti dall’obriere per tutti i presenti.
In provincia di Oristano

MILIS SOTTO LE STELLE
Dal 21 dicembre 2008 al 10 gennaio

Dal 21 dicembre 2008 al 10 gennaio le sale del Palazzo Boyl di Milis saranno teatro di numerosi e interessanti eventi culturali organizzati dall'Assessorato alla cultura del Comune di Milis e dall'associazione culturale Morsi d'Arte

Già dal mese di maggio stiamo riflettendo sul fatto che gli edifici dal grande significato monumentale non debbano essere considerati come luoghi defunti, esautorati e sfiniti dal loro stesso valore storico. Sulla scia di tali considerazioni torniamo a proporre una mostra d'arte contemporanea nelle sale di Palazzo Boyl a Milis, un evento che rompa con gli schemi tradizionali e metta in calendario una programmazione del tutto sperimentale, in grado di proporsi in maniera inattesa e non regolare. Per la prima volta nella provincia di Oristano, finora confinata ad un ruolo secondario nel panorama artistico regionale, le migliori menti creative sarde esporranno insieme offrendo un intrigante spettacolo emozionale, sviluppandosi in un percorso che si snoderà tra le sale del palazzo settecentesco. Morsi d'Arte, sulla scia del successo della mostra d'arte contemporanea tenutasi nel maggio 2008 "La cultura morde Palazzo Boyl", ha proposto al comune un evento ad ampio respiro che coinvolgesse i maggiori nomi del panorama artistico sardo.

Gli eventi di gennaio descritti potrebbero non ripetersi negli anni successivi.



L'estate in Sardegna con le migliori offerte economiche, prenota adesso i pacchetti 2017 per risparmiare!