La Sardegna a Luglio, dormire, visitare e godere di luoghi incantati (Last minute luglio Sardegna)

Vacanze Last minute in Sardegna, in luglio visita la Sardegna.


Gli operatori turistici sardi entrano nel vivo della stagione estiva proprio nel mese di Luglio, in cui risulta davvero difficile riuscire a trovare il luogo ideale per la villeggiatura se non con delle offerte Last Minute Sardegna.
A coloro che passeranno le proprie ferie estive in Sardegna vogliamo consigliare alcuni luoghi alternativi da visitare:

Riserva di Monte Arcosu (Cagliari):
Monte Arcosu si trova nella Sardegna Sud occidentale. La Riserva dista circa 20 Km da Cagliari e non è raggiungibile con mezzi pubblici. Partendo dal capoluogo, bisogna seguire la S.S. 195 in direzione di Pula e dopo 12 Km svoltare in direzione Macchiareddu - CASIC. Da qui imboccare la Seconda Strada Ovest e proseguire fino alla Chiesa campestre di Santa Lucia, superarla e seguire le indicazioni WWF per la Riserva.

Ambiente
La Riserva si trova nel complesso forestale Monte Arcosu - Piscinamanna, il quale costituisce la foresta di macchia mediterranea più estesa dell'intero bacino del Mediterraneo. Si tratta di circa 35.000 ettari di meravigliosi boschi che ospitano importanti specie della flora e della fauna sarda. Il territorio presenta una morfologia piuttosto accidentata, caratterizzata da lunghe e scoscese valli nelle quali, durante il periodo invernale e primaverile, scorrono impetuosi torrenti la cui portata si riduce drasticamente nel corso dell'estate.
I maggiori rilievi superano i mille metri d'altezza e si distinguono per una morfologia profondamente differente a causa della diversa componente geologica.

Flora e fauna
La vegetazione della Riserva di Monte Arcosu è composta essenzialmente da leccio Quercus ilex, sughera Quercus suber, filliree Phyllirea ssp., erica Erica ssp., corbezzolo Arbutus unedo, mirto Mirtus communis, cisti Cistus ssp., ma non mancano le particolarità, come una rigogliosa stazione di tasso Taxus baccata, alcuni residui di foresta primaria di leccio e ben 46 endemismi, fra i quali spiccano per rarità la Barbarea rupicola, l'Helicrysum montelinasanum, l'Armeria sulcitana e l'Anchusa formosa, quest'ultima descritta per la prima volta negli scoscesi valloni del Monte Lattias. Completano il quadro vegetazionale l'immancabile ciclamino Cyclamen repandum e ben 20 specie di orchideacee. I funghi sono presenti con numerose specie ed in grande abbondanza; fra essi segnaliamo l'endemico Ramaria arcosuensis.
La fauna presente è di estremo interesse ed è caratterizzata da numerose specie endemiche. Spicca per importanza il cervo sardo Cervus elaphus corsicanus, specie salvatasi dall’estinzione grazie alla nascita dell’Oasi. Altri rilevanti endemismi sono il gatto selvatico Felis silvestris libyca, la martora Martes martes latinorum, la donnola Mustela nivalis boccamela, la volpe Vulpes vulpes ichnusae, il geotritone dell'Iglesiente Speleomantes genei genei ed il discoglosso Discoglossus sardus. Anche l’avifauna è interessantissima e le oltre 80 specie della check-list dell’Oasi lo dimostrano. I rapaci sono presenti in gran numero, così insieme ai comuni poiana Buteo buteo e gheppio Falco tinnunculus, troviamo il possente falco pellegrino Falco peregrinus brookei, l'aquila reale Aquila chrysaetos, lo sparviere sardo Accipiter nisus wolterstorffi ed il raro astore sardo Accipiter gentilis arrigonii.
Strutture
Due Sentieri natura, cinque percorsi escursionistici di media e lunga durata, capanni d’osservazione, aree faunistiche del daino e del cervo sardo, arnie didattiche, aula didattica all’aperto, Centri visita, Foresteria (24 posti letto).

Come si svolge la visita
Accompagnati dalle guide della Coop. Il Caprifoglio si possono percorrere i sentieri natura Sa Canna (ingresso Riserva) e Perdu Melis (area centrale dell’Oasi); la durata è di circa due ore. Si attraversano vari ambienti, quali il bosco la macchia e la vegetazione riparia. I sentieri natura sono attrezzati con pannelli didattici sulla flora e sulla fauna dell’Oasi. Per i percorsi escursionistici è necessario prenotare la guida.
Telefax: 070/968714

Una delle spiagge da visitare in Sardegna

Spiaggia di Monti Russu - Aglientu (Ss) - Un'insenatura selvaggia, dove la sabbia bianca si accompagna a rocce di granito rosso. Il nome della spiaggia deriva dalla tonalità che le rocce assumono al tramonto. Un piccolo stagno, generato dal Riu Sperandeu, offre agli animali il verde delle sue sponde come pascolo.

L'estate in Sardegna con le migliori offerte economiche, prenota adesso i pacchetti 2017 per risparmiare!