Itineraio Isola di San Pietro (Sardegna mare azzurro)

Vacanze a Carloforte città della Sardegna, mare limpidissimo

L'isola di San Pietro ha una superficie di 51 mq ed un unico centro abitato, la città di Carloforte.

Le sue coste sono alte e rocciose bagnate da un mare limpidissimo, mentre l'interno è coperto da una folta macchia mediterranea, il pino d'Aleppo, il rosmarino, la palma nana. Nelle sue scogliere nidificano il gabbiano corso ed il falco della regina.

Tutta l'architettura della città di Carloforte, unico centro abitato dell' Isola di San Pietro, è di chiara impronta ligure ed ancora oggi, tra la sorpresa dei turisti che non ne siano informati, gli abitanti parlano correntemente il loro vecchio dialetto.

Nel 1737 Carlo Emanuele III di Savoia organizzò il riscatto di un centinaio di pescatori discendenti da un gruppo di liguri di Pegli che erano stati rapiti dai pirati tunisini nel 1540 ed erano tenuti in schiavitù nell'isola di Tabarka e li fece trasferire nell'isola di San Pietro, dove fondarono una città che chiamarono appunto Carloforte in suo onore. Nel periodo iniziale la vita di questi pescatori è stata molto travagliata per le difficoltà ambientali, alle quali va aggiunta l'invasione francese del 1793 e l' incursione di pirati tunisini nel 1798, durante la quale più di 800 abitanti dell'isola furono fatti schiavi. Si è quindi sviluppata la pesca, l'attività delle Tonnare e del porto, ed in questi ultimi anni il turismo che hanno fatto di Carloforte un centro importante.

Il porto di Carloforte, per molto tempo fondamentale per il trasporto dei prodotti dell'attività mineraria del Sulcis, ha perso di importanza dopo la costruzione di quello di Sant'Antioco ed oggi opera quasi esclusivamente nel trasporto del pescato e del tonno proveniente soprattutto dalla Tonnara dell'Isola Piana.

L'estate in Sardegna con le migliori offerte economiche, prenota adesso i pacchetti 2017 per risparmiare!