Vacanze in Sardegna, l'isola Madadlena

L'Arcipelago della Maddalena è imperdibile per le vacanze in Sardegna per gli amanti della vela e delle spiagge. Partendo da Caprera, si potrà costeggiare l’isola di Santo Stefano con gli insediamenti della base militare Americana e la possibilità di incrociare un sottomarino di passaggio. Si potrà effettuare una breve tappa a Palau o a la Maddalena prima di proseguire. Vi consiglio di informarvi bene in capitaneria circa eventuali permessi da richiedere per ormeggiare nelle isole dell’arcipelago in vigore da quest’anno.

Superata la Maddalena si potrebbe puntare su Spargi per il pranzo, dove Cala Corsara a sud e Cara Ferrigno a nord offrono ottimi ridossi. Successivamente Da Cala Ferrigno si potrà fare un'escursione alla punta settentrionale dell'isola ed ai suoi fortini militari abbandonati, scavati nel granito. Budelli, Razzoli e S. Maria distano poche miglia da Spargi e possono essere delle meravigliose alternative per la notte se non volete raggiungere Lavezzi. Trovate qui ottimi ridossi per tutti i venti. Se invece volete attraversare il confine potete già fare rotta su Lavezzi, con cala Lazzarina a sud, Cala di U Grecu a nord per i vostri ridossi e bagni.

Con sole 6 miglia di navigazione si potrà fare rotta su Bonifacio passando per l’imponente faro di Capo Pertusato. Ormeggiando nel marina ricavato nel fiordo all’interno delle famose scogliere bianche di oltre 60 metri, si potrà scendere e apprezzare a piedi le vestigie e le testimonianze del ricco passato storico, economico, sociale e religioso della cittadina corsa. Il fiordo di Bonifacio è uno dei porti naturali più belli del Mediterraneo.

Con vento di maestrale, questa è una giornata di nuovo adatta ai velisti, con la possibilità di issare uno spinnaker per raggiungere molto facilmente Capo Testa. Uno dei luoghi paesisticamente più affascinanti della Sardegna: si tratta di un enorme scoglio di forma quasi circolare (2 km di diametro), collegato alla terraferma da un breve istmo sabbioso che divide due baie una a sud e una a nord dove l’ancoraggio è consigliato.

Tappa d’obbligo per questa giornata è la visita alla splendida Santa Teresa e le sue frastagliate costiere di granito. Qui un marina attrezzato potrà consentirvi, soprattutto se arrivate presto, di trovare un posto per rifornire di acqua e viveri la barca. Ripartendo, e superando punta Falcone, si raggiungerà l’isola di Spargi, dove ormeggiare per la notte. A Spargi ci sono tantissimi maiali selvatici, e la sera, nei periodi tranquilli, vengono in spiaggia a mangiare gli avanzi lasciati dai turisti.

Lasciamo per l’ultima volta Spargi e puntiamo verso nord dove potremo costeggiare la costa nord dell’isola della Maddalena e la splendida cala Spalmatore. La notte è consigliata a cala Coticcio, a Caprera, nel versante orientale. Cala Coticcio, ribattezzata "Tahiti" è quasi irraggiungibile da terra. Da segnalare anche cala Portese, perché ottimamente ridossata dal maestrale.

L'estate in Sardegna con le migliori offerte economiche, prenota adesso i pacchetti 2017 per risparmiare!